Il tuo peso, il tuo destino?

  •  Agosto 4, 2020


Il tuo peso, il tuo destino

L'effetto fisarmonica ha successo solo nel forró. Gli scienziati affermano che siamo nati con una forma programmata: alcuni con meno, altri con più. La maggior parte cerca di sfuggire al destino, ma il corpo sabota qualsiasi dieta per tornare al suo "peso naturale". Sarà?

Secondo la teoria del "consumo intuitivo", molti di noi sono nati con una conoscenza naturale di cosa e come mangiare. Questo include sapere quando hai fame o sazietà, le tue preferenze e, soprattutto, come si sente il tuo corpo riguardo alle scelte che hai fatto. Sfortunatamente, molti di noi, per vari motivi, perdono il contatto con questa "saggezza interiore". La sfida è sfuggire alle insidie ​​che le abitudini ci impongono per ritrovare la strada del ritorno.

Tra le insidie ​​c'è il nostro rapporto con le diete. Secondo Steven Hawks, professore di scienze della salute alla Brigham Young University, l'evoluzione ci ha insegnato che meno cibo è un segno di scarsità. E poiché ogni dieta ci fa chiudere la bocca, il corpo capisce che deve ribellarsi e accumulare più grasso possibile.

Ma quale sarebbe la via d'uscita? Il libro Intuitive Eating, un successo editoriale negli Stati Uniti, indica alcuni modi. Come suggerimento principale, dice che dovremmo concentrarci sulla soddisfazione che offre un pasto. Cioè, non aspettare molto a mangiare dopo gli scioperi della fame, perché saremo voraci. E fermati prima che ci riempiamo, perché non ce n'è bisogno.

Naturalmente, se possiamo farlo in ambienti tranquilli, lontano da problemi emotivi e mangiando lentamente, assaporando ogni cibo, aiuta. Includi esercizi, sappiamo tutti che aggiunge anche. E i benefici superano qualsiasi sforzo: meno trigliceridi, più HDL (il "colesterolo buono"), maggiore autostima, miglioramento dello stato emotivo e pace con se stessi. E con l'equilibrio!

Anima - Mikeless (Agosto 2020)


Raccomandato