Sacrificio di bellezza

  •  Novembre 29, 2020


Sacrificio di bellezza

I tacchi alti rendono le nostre gambe più snelle e più formose. Ma quando guardi quanto sono distorte le nostre ossa nelle immagini a raggi X tridimensionali, non puoi essere indifferente. In questo caso, la salute è scesa dal salto.

Leggi di più:

Tecnologia ai tuoi piedi - Scarpe ora realizzate con stampante 3D
Calpestare Ex - La collezione di scarpe onora gli amori passati

Per mostrare gli effetti dei tacchi alti delle donne, il Royal London Orthopaedic National Hospital ha pubblicato immagini del piede femminile usando una moderna tecnologia chiamata pedCAT. È uno scanner CT sviluppato appositamente per l'area dei piedi e delle caviglie. L'apparecchiatura è stata approvata per l'uso in Europa nel 2013 e ora negli Stati Uniti.


pedcat

L'esame moderno consente una maggiore precisione e una minore esposizione alle radiazioni

L'uso prolungato di tacchi alti può causare accorciamento muscolare nella parte posteriore delle gambe e infiammazione dei tendini e dei legamenti che stabilizzano l'articolazione del piede. Per non parlare del danno che il sovraccarico provoca nella parte bassa della schiena e il rischio di sviluppare problemi nella parte vascolare.


Tuttavia, la novità di questo scanner è garantire l'accesso a una diagnosi 3D con minore esposizione alle radiazioni, che può facilitare e garantire il trattamento più accurato ed efficace per migliaia di donne. Attualmente, i trattamenti si basano sull'analisi a raggi X tradizionale, sull'anamnesi e sull'osservazione ad occhio nudo della regione.

Speriamo che la tecnologia arrivi presto in Brasile. Nel frattempo, se l'occasione lo giustifica, la punta per sfuggire a questa minaccia è cambiare le scarpe. Cioè, variando l'altezza e la forma del tallone impedisce ai piedi di abituarsi a un tipo specifico, che può causare lesioni da uso ripetitivo. Pertanto, un armadio pieno di modelli non riguarda solo la vanità, ma una questione di salute.

Ecco un video che dimostra l'uso del salto sulle immagini dello scanner 3D.

Marco Tracanelli Il sacrificio della bellezza (Novembre 2020)


Raccomandato