C'è intolleranza alimentare?

  •  Settembre 20, 2020


L'intolleranza al lattosio non esiste. Questo è quanto afferma l'endocrinologo portoghese in un seminario internazionale, che mira a spiegare il rapporto tra latte ed evoluzione umana. Ma cosa intendi?

Leggi di più:

Gluttony Excuse - La disponibilità a mangiare può venire da scelte sbagliate
Perdere peso con la dieta cromata: regolare la glicemia per piastra

Un argomento caldo, l'intolleranza alimentare ha dimostrato di raggiungere più persone attraverso la testa che attraverso il tratto digestivo.


Pertanto, molte persone aderiscono a diete restrittive senza mostrare sintomi di allergia o ipersensibilità a determinati ingredienti come glutine e lattosio.

E se ci sbagliassimo tutti?

Almeno sul lattosio, l'endocrinologo portoghese Isabel do Carmo afferma che la presunta intolleranza all'ingrediente è un errore.


La tua opinione dovrebbe essere presa in considerazione, poiché il medico è il fondatore della Società portoghese per lo studio dell'obesità.

Il suo controverso argomento è stato presentato durante il seminario Il consumo di latte - Cosa potrebbe cambiare, che si è tenuto il 13 gennaio 2016 a Lisbona.

Per l'esperto, la tendenza deriva dall'influenza dell'industria della produzione di soia.


Secondo il dottor Isabel, per migliaia di anni gli europei hanno avuto l'enzima chiamato lattasi, che rompe il lattosio e consente all'organismo di elaborare questo zucchero presente nel latte.

In un'intervista al giornale pubblico, ha affermato che "la mutazione ha settemila anni e non esiste alcuna mutazione attuale nella direzione opposta".

Il medico sottolinea, a proposito, che anche la tendenza a smettere di consumare prodotti lattiero-caseari non ha senso, poiché questi alimenti non hanno lattosio.

"Quando il latte si trasforma in yogurt o formaggio, anche per coloro che hanno effettivamente intolleranza, il lattosio cessa di diventare acido lattico (il lattosio diventa acido lattico per fermentazione) e il valore nutrizionale rimane."

Poiché il seminario è organizzato dall'Osservatorio dei mercati agricoli e delle importazioni di prodotti agroalimentari, è chiaro che la questione non è evidente solo dal punto di vista nutrizionale.

Questo perché la tendenza ad evitare l'ingrediente ha colpito l'industria lattiero-casearia in Portogallo e in Europa.

Ma il tema è molto più ampio.

Dopotutto, riguardo al consumo di latte ci sono tre prospettive.

Salute, con intolleranze; l'ambiente, con l'impatto che le mucche hanno sul consumo di energia e sulla produzione di gas a effetto serra; e i diritti degli animali, con le condizioni alle quali vengono allevati.

Dal punto di vista alimentare, nessuno dimentica che il latte è un alimento eccellente che consente la produzione di derivati ​​e il loro uso per vari scopi culinari.

Dal punto di vista nutrizionale, fornisce proteine ​​e vitamine di alta qualità e un basso valore energetico.

Tra pro e contro, l'importante è che i consumatori abbiano le informazioni giuste e possano fare le loro scelte in modo intelligente.

Per assicurarsi che i crampi addominali, la flatulenza e l'addome disteso siano una conseguenza dell'intolleranza al lattosio, il dottor Isabel do Carmo suggerisce di eseguire test di laboratorio.

"Quello che sappiamo è che stiamo cambiando da un punto di vista ambientale."

"Ci sono nuove sostanze legate alla produzione alimentare, come conservanti e additivi, ma anche l'aria che respiriamo".

"Tutti insieme possono portare a una serie di casi", aggiunge.

Sintomi e Test per le Intolleranze Alimentari | Filippo Ongaro (Settembre 2020)


Raccomandato